Museo della Marina Militare

La nascita di questo piccolo ma interessante museo marinaresco coincide con la costituzione a Padova della sezione cittadina dell’Unione Marinara Italiana, nell’ormai lontano 1922.

Sorto originariamente come ausilio didattico per i giovani intenzionati a svolgere in mare il servizio militare, fu allestito con materiale fornito dallo Stato e arricchito in seguito da donazioni private.

Il museo A.N.M.I. – Associazione Nazionale Marinai d’Italia rappresenta un suggestivo spaccato storico, tecnico e culturale della marineria Militare Italiana, in un arco di tempo che va dal primo conflitto mondiale fino ai giorni nostri, grazie alle pubblicazioni dell’Associazione.

Sono esposti numerosi “pezzi” rappresentativi della realtà marinara: modelli di navi e di infrastrutture navali “anche a carattere tecnico”, testimonianze dell’aviazione di marina “fra le quali l’elica lignea originale di un idroplano“, esempi della strumentazione di bordo e apparecchi per il rilevamento della posizione, cartografia e illustrazioni.

Fanno bella mostra di sé, nello loro appariscenza, una mina austro-ungarica e un siluro “completo in ogni sua parte” risalente al periodo 1915-18. Ma anche fucili storici e armi bianche “scimitarre, lance, frecce” provenienti dall’Africa e raccolte nel corso di chissà quali navigazioni, assieme a conchiglie e denti di animali esotici che i marinai riportavano come “souvenir”.

Il museo dispone inoltre di una piccola biblioteca, consultabile a richiesta, comprendente molti titoli di argomento marinaresco, alcune risalenti all’Ottocento.